L’ALIMENTAZIONE DEL CANE DA TARTUFO.

Per alimentare correttamente il vostro cane (lagotto o non) dovreste affidarvi ad una delle tante marche di crocchette presenti sul mercato o ad una dieta casalinga che sia però il più possibile bilanciata e fatta non di scarti ma di materie prime di qualità (carne, pasta, ricotta, uova, pesce, patate, riso ecc…).
Ricordate che la salute del cane dipende molto da quello che mangia e siamo noi quindi ad essere responsabili di questo aspetto.
Nelle crocchette trovate il genere una risposta alle vostre esigenze di praticità e di una dieta bilanciata, ma trovate anche in molte marche quantità smisurate di conservanti e coloranti. In particolare BHA e BHT che sono stati riconosciuti come cancerogeni e che presto saranno vietati nei mangimi per cani. Sono da preferire dunque mangimi che utilizzino i tocoferoli (vit E) come unici conservanti.
Per quanto riguarda il lagotto nello specifico consiglio di optare per un mangime che abbia un tenore proteico non eccessivo (un 23-24%) grassi in discreta quantità (12-15%) e in primis che abbia un valore di ceneri gregge più basso possibile (accettabile 6-7%) che ci sta ad indicare per sommi capi la quantità di becchi, piume e farina d’ossa (tutte praticamente indigerite dal cane) presenti nel mangime. Insomma un mangime non troppo carico (assolutamente non quello per cani da caccia o per cani in attività) e con proteine di buona qualità e digeribilità.
Per le dosi ci si può attenere a quanto scritto sulla confezione e dopo un mese di osservazione del cane decidere se è il caso di aumentare o diminuire la dose. In caso il vostro lagotto lavori tutti i giorni e per diverse ore potete integrare l’alimentazione con carne fresca o olio di pesce ma non dimenticate che in ogni caso durante le uscite il cane mangia anche i vostri premi che a seconda di cosa sono possono essere sufficienti come integrazione. Non fate mai mancare l’acqua al vostro lagotto, soprattutto d’estate durante il lavoro, altrimenti si tufferà nella prima pozza a sua disposizione!
Ricordate che se il pelo del vostro lagotto è bello e sano significa che l’alimentazione va bene, se invece cade, è opaco, il cane si gratta spesso c’è qualcosa che non va.
Un ultima cosa da tenere sotto controllo sono le feci: dovrebbero essere compatte e non troppo morbide (ma nemmeno dure!) e di colore non troppo chiaro. Feci abbondati o molli sono indice che molto di ciò che mangia non viene assorbito.
Attenziione ai cambi di alimentazione repentini! Se volete passare ad un’altro tipo di crocchette fatelo gradualmente, nell’arco di una settimana, aumentando pian piano le dosi del nuovo mangime, altrimenti vi ritroverete a combattere una brutta diarrea!!!! E’ necessario infatti dare il tempo all’intestino di formare gli enzimi per digerire il nuovo mangime.

———————————————————————————————————————

questo articolo è ancora piu specifico:

http://www.paroladicane.it/abc-veterinario/7-benessere-del-cane/96-come-scegliere-una-crocchetta-di-qualita.html

 

4 risposte a L’ALIMENTAZIONE DEL CANE DA TARTUFO.

  1. vincenzo scrive:

    Salve Lauro e complimenti per il sito,per quanto riguarda l alimentazione si parla soprattutto del lagotto,ma per esempio cani come bracchi pointer setter breton,ecc e i loro incroci lavorando nel periodo primavera estate,con diverse uscite settimanali ognuna di 4 ore o più,hanno bisogno di questi mangimi super proteici e ricchi di grassi,quelli per cani da caccia in attivita per intenderci,oppure possono svolgere il loro lavoro egregiamente con il classico mantenimento?naturalmente si tratta di ricerca allo scorsone e quindi anche con temperature elevate,grazie mille

    • admin scrive:

      ciao vincenzo, penso che ci siano un infinità di pareri e di modi per alimentare il proprio cane , io ritengo che ogni cane a seconda del peso della razza dove vive e quanto lavora abbia la sua ,cioè piu o meno proteica ecc, rimango dell’opinione però che il pasto fatto in casa con carne , verdure ecc. sia il migliore , comunque per la tua domanda credo che per un cane da lavoro il mangime da mantenimento non vada bene cioè io non lo dò ai miei , poi ripeto ognuno ha la sua idea .lauro.

  2. Antonio scrive:

    Ciao vorrei un consiglio …nelle crocchette va messo sempre un po di olio di tartufo…grazie

    • admin scrive:

      ciao antonio, secondo me serve solo per insegnare che è un alimento , certo che li troverà ma per mangiarseli , questo è un mio pensiero poi a ognuno la scelta,lauro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif 
more...