istruzioni per l’uso della museruola

Istruzioni per l’uso
Dai l’opportunità al tuo fido di salvarsi la vita!!!!!!!!

Il cane, solitamente appena calza la museruola,  considerandola un oggetto estraneo, tenterà di liberarsi.

Ciò è normalissimo….   Ecco cosa dovete fare:

State vicino al cane e rassicuratelo accarezzandolo e parlandogli con voce suadente perche se urlate o se vi agitate il cane potrebbe associare che quell’oggetto è una punizione!
Dopo avergliela fatta indossare qualche minuto, sempre con voce suadente, gliela toglierete complimentandovi con lui.
Man mano aumenterete il tempo di calzatura e di tanto in tanto vi allontanerete di qualche passo da lui, cercate di essere indifferenti e notate se il cane prova a toglierla……( la cosa è comprensibilissima), tornate sui vostri passi e rassicuratelo con carezze e, nei momenti di calma o di sua indifferenza alla museruola, chiamatelo o fategli fare qualche esercizio, insomma distraetelo.
Vedrete che Piano piano si abituerà.
Nelle uscite a tartufi potete far calzare la museruola anche qualche ora prima di partire poi, appena c’è l’occasione, se  ritenete di essere ampiamente fuori battuta potete liberarlo, in tale contesto tenete sempre il cane a vostro contatto visivo e fisico con il guinzaglio.
Non escludete che fuori battuta non troviate bocconi, spesso i soliti ignoti che hanno altre passioni, minano arbitrariamente intere zone perche vogliono uccidere le specie predatrici a salvaguardia di quelle cacciabili (uso caccia) o dagli agricoltori per uccidere animali ritenuti dannosi alle piantagioni, quali topi, lumache oppure dannosi per il pollaio tipo volpi ,faine ecc. ecc..
Fate attenzione specialmente al termine della escursione e precisamente quando state per raggiungere la vostra autovettura da voi parcheggiata, non togliete al vostro cane da tartufo la museruola!!
I soliti ignoti, verosimilmente tartufai locali, autori di queste bestialità, spesso minano proprio i dintorni dei veicoli durante la vostra assenza, avendo così la certezza che di li  dovrete passare forzatamente con i vostri cani!

la museruola anche se fastidiosa per i nostri cani, è comunque per loro un salva vita dobbiamo imparare a cacciare con essa il piu possibile .

in poche sedute con il metodo giusto il nostro fido si abituerà, cacceremo cosi piu tranquilli e meno limitati nella scelta dei posti dove cacciare.

1° Passo:
Mostrate al cane la museruola prima di ogni passeggiata, prima di cibarlo, prima delle coccole o del gioco. Ogni volta che il cane mostra interesse verso la museruola dev’essere lodato.

2° Passo:
Mettere del cibo all’interno della museruola. L’ideale è spalmare formaggio tipo Philadelphia, ma vanno benissimo anche i soliti biscotti o il cibo. Ripetete l’esercizio finché il cane non trovi piacere infilare la testa nella museruola.

3° Passo:
Quando il cane prende tranquillamente il cibo all’interno della museruola, si può
allacciare la museruola avvolgendo la cinghia attorno al collo. Il cane deve
ricevere dei complimenti se rimane tranquillo. Togliere la museruola dopo circa
dieci secondi. L’esercizio è da ripetere diverse volte.

4° passo:
Aumentare il tempo nel quale il cane deve portare la museruola. Togliere la museruola, lodare il cane e premiarlo con un biscottino e rimettere la museruola al cane. Questo esercizio è da ripetere per 3-4 volte di seguito. Tutto l’esercizio va fatto circa dieci volte al giorno. Una volta che il cane tollera la museruola per almeno cinque minuti senza tentare di toglierla (stando in casa) si può iniziare a preparare il cane alla passeggiata facendo qualche passo in casa.

5° passo:
Il cane deve portare la museruola per qualche minuto (per esempio mentre si prepara il cibo per lui) e quando si esce per la passeggiata. Una volta usciti di casa, dopo qualche minuto di camminata si toglie la museruola. Durante la passeggiata è da rimettere e di togliere per qualche volta. Si arriverà al punto di “dimenticare” di togliere la museruola. Dopo circa due settimane la maggior parte dei cani porta la museruola senza problemi durante un’uscita breve (circa quindici minuti).

6° passo:
Una volta che il cane porta la museruola senza problemi per almeno un’ora la fase di allenamento è terminata.

Importante:
Fino al termine della fase di abituazione alla museruola non si deve assolutamente lasciare il cane senza sorveglianza. Per evitare ferite alle zampe o al muso ogni tentativo da parte del cane per togliersi la museruola è da interrompere, con gentilezza ma determinati. Durante questo periodo sono da evitare tutte le esperienze negative (visita veterinario ecc.).

Tenete conto che la museruola è munita di apposite regolazioni per una migliore calzatura.
La museruola non deve essere ne troppo stretta ne troppo lente, ma deve essere il piu aderente possibile  alla sagoma del muso del vostro cane,lasciando libero il naso.
Al riguardo Vi faccio altresì presente che il cane, non essendo munito di ghiandole sudorifere, se non nei polpastrelli delle zampe, regola la sua temperatura mediante l’inspirazione di aria con la bocca e tirando fuori la lingua.

Tenere stretta la museruola significa farlo soffrire e non potendo regolare la sua temperatura corporea, non solo non lavorerà come di solito ma  il cane rischierà di ammalarsi!

Questo non deve succedere! pazienza e metodo.

18 risposte a istruzioni per l’uso della museruola

  1. Giovanni scrive:

    Ciao Lauro
    Provo a contattare Giovanni Grappio.
    Mi si stringe il cuore ad immaginare che per colpa delle Bestie a due Zampe dobbiamo sottoporre i nostri amici a tali sacrifici

  2. Giovanni scrive:

    Ciao Lauro
    Da qualche giorno sono preoccupato, nella mia zona c’è stato un caso di avvelenamento (per fortuna finito bene dopo veterinario e flebo).
    Vorrei mettere la museruola ai miei cani, ma quello che mi frena di più è temere che possano avere dei colpi di calore dovuti al caldo è all’impossibilità di refrigerarsi con la lingua.
    Che mi consigli?

    • admin scrive:

      ciao giovanni, prova le museruole “giovanni grappio” sono perfette e poco costringenti, certo è che devi aprirle spesso . inteso una mezzoretta, e dargli da bere , devi regolarti tu, qualche sacrificio nostro deve essere sopportabile per riportare a casa i cani , lauro.

  3. Lorenzo scrive:

    Buongiorno signor lauro….ho un Lagotto di 4,5 mesi che trova tartufi sotterrati anche a 50 cm di profondita e tenuti sotto terra per un giorno….ovviamente senza fargli vedere dove sono stati sotterrati….Ecco volevo capire se sto procedendo bene??
    Secondo punto con quanta frequenza devo addesstrare il mio cane una, due, tre volte a settimana…io personalmente lo alleno una volta a settimana volevo sapere se faccio bene
    Terzo punto io sto allenando il mio Tuber con l’aestivum..se porto il mio cane nelle marche d’inverno il cane mi trova il bianco….oppure non sense l’odore???
    Quarto e ultimo punto per sua fortuna hahahahah….posso portare Tuber a fare delle passeggiate per le campagne?

    GRAZIE DI TUTTO, IN ANTICIPO, I SUOI CONSIGLI MI SONO SERVITI A MOLTO
    GRAZIE DAVVERO

    • admin scrive:

      ciao lorenzo , andiamo con ordine, prima di tutto complimenti per i risultati che stai ottenendo, l’addestramento non si misura in quante volte ma per quanto, mi spiego, l’addestramento andrebbe fatto poco tempo e spesse volte quindi chiaramente va con il tempo che possiamo dedicare l’importante è non stressare il cane ecco perche poco tempo in teoria devi smettere nel momento che si diverte di piu non quando si stressa o si annoia,il cane quando ha bucato un tipo di tartufo poi li buca tutti i tipi certo è che la prima volta per velocizzare devi fargli associare il tipo che andrai a cercare , esempio se lo addestri con lo scorzone poi lo porti sul bianco quando tu dici cerca è logico che lui per primo si concentra e cerca lo scorzone e in seguito se gli capita buca il bianco, quindi mettendogli in testa subito il bianco sul cerca darà subito la precedenza a quello , ripeto questo per velocizzare il ritrovamento poi negli anni a venire non serve piu, l’importante per prima cosa è farlo bucare il naturale di qualunque tipo, certo che lo puoi portare in campagna ma non allo stato brado facendogli dare sfogo ai sui istinti altrimenti poi li riporterà nei tartufi, quindi portarlo ma niente iniziative sue specialmente sull’istinto da cane , lui deve essere un cane da tartufo che è diverso dal cane che fa il cane, spero di essermi spiegato, buon divertimento,lauro.

  4. Lorenzo Ianiro scrive:

    Buon giorno signor Lauro…io ho un lagotto romagnolo di 4 mesi…fin da i due mesi lo sto allenando per i tartufi. Lo sto allenando con tartufi che pero sono stati fatti stare in acqua e adesso sono in un barattolo dove ci sono i tartufi e poca acqua…l’odore è molto forte….il cane trova i tartufi messi sottoterra a 40 cm di profondità e fatti stare sotto terra per 3 giorni…..quindi da lei signor Lauro volevo sapere se questi tartufi vanno bene per l’addestramento….grazie in anticipo.

    • admin scrive:

      ciao lorenzo, tutto è possibile pensa c’è chi addestra con creme al tartufo , salse tartufate, olio sintetico, dove il tartufo quasi non esiste quindi se vuoi puoi continuare ma secondo me sarebbe il momento di comprare dieci euro di tartufo naturale e allenarlo con quello anche perche i tartufi con il cane si trovano al bosco non al supermercato, ciao,lauro.

      • Lorenzo Ianiro scrive:

        Di nuovo Buonasera sg. Lauro non voglio contestare un esperto come lei ma nel barattolo si sono tre tartufi di circa cinque grammi interi ed acqua di cottura quindi cosa cambia da tartufo fresco al tartufo da me usato…..mi scuso per la contestazione.
        Io sono di Roma mi sa dire dove prendere dei tartufi freschi….grazie per la collaborazione

        • admin scrive:

          ciao lorenzo , ci mancherebbe che tu non possa contestare o per meglio dire cercare di capire, probabilmente non hai mai fatto un confronto , prova e capirai , il tartufo da te usato e messo sottovuoto con acqua e sale in autoclave a 120° quindi è cotto , inoltre tu pensa che comprando due tartufi che trovi in negozi che indicano tartufi freschi oppure come da noi ai mercati o fiere o sagre ci sono dei rivenditori appositi oppure vai in un ristorante amico e te li fai dare se nel menu hanno piatti al tartufo, ti dicevo pensa che comunque anche se lo addestri con tartufo naturale è sempre diverso dal tartufo naturale sottoterra per tanti motivi , in futuro capirai ,a molti che addestrano i cani da soli e poi magari qualcuno se non trova da la colpa al cane io mi permetto di dirgli porta paienza se fosse facile non ci sarebbero addestratori che lo fanno di lavoro.,lauro.

          • Lorenzo Ianiro scrive:

            Buon giorno sg Lauro…..oggi con il mio cane Tuber di tre mesi e mezzo siamo andati a tartufi a Tolfa il cane cerca correttamente successivamente vedendo una pietra molto bella mi sono fermato, l’ho messa nello zaino e poi mi sono voltato e ho visto che Tuber aveva trovato un tartufo e ce l’aveva in bocca, allora gli ho aperto la bocca e l’ho preso. Era un tartufo marcio. Il cane lo potrebbe aver trovato o sotto terra oppure un tartufaio lo potrebbe aver fatto cadere e nel tempo potrebbe essere andato a male….comunque sia non so , in ambedue i casi sopra elencati cioè tartufo sotto terra o perso da tartufaio, non so se posso ritenermi soddisfatto…..Grazie mille per tutto

            • admin scrive:

              ciao lorenzo, come no devi essere soddisfattissimo vuol die che il tuo “TUBER” ,nome molto carino, ha il tartufo in testa anche quando è scollegato da te , quindi vai cosi ma possibilmente fattelo lasciare con il comando “lascia” cerca di non trafficargli in bocca in futuro potresti avere problemi di competizione tradotto te li mangia tutti, ciao,lauro.

  5. LUCA scrive:

    buongiorno Lauro, vorrei sapere come e cosa devo fare per capire che tipo di museruola adatta devo acquistare per la mia cucciola e mi servirebbero i prezzi delle vanghette…mi puoi scrivere in privato? in attesa ti ringrazio.

  6. Eleonora scrive:

    Ciao, volevo sapere dove posso acquistare questa museruola adatta alla ricerca del tartufo. Volevo inoltre domandarti se devo acquistare sia l’olio al tartufo bianco che quello al tartufo nero per l’addestramento (sono ancora ignorante in materia 🙂 ). Grazie mille e complimenti: sito bellissimo, chiarissimo ed utilissimo!!!!http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif

    • admin scrive:

      ciao eleonora, nel sito c’è la pagina dedicata all’azienda di giovanni grappio che le costruisce, per l’addestramento basta un solo tipo di olio possibilmente quello che andremo a cercare ad addestramento finito , ma anche se è diverso al momento dello sblocco basta procurarsi un tartufino di stagione e dopo qualche giochetto è pronto anche su quello,lauro.

  7. francesco Bonomo scrive:

    Forse potete aiutarmi. Ho messo la museruola al mio cane per oltre un mese in quanto affetto da dermatite atopica con piaghe vere e proprie agli arti inferiori. Ho trovato una pomata efficace ma l’importante era che non si leccasse. La museruola era un pò stretta altrimente se la sarebbe tolta. Improvvisamente il cane non ha più mangiato perché ha difficoltà a masticare e ad ingoiare cibo. Che cosa può essere successo in gola o altrove a causa del problema sopraesposto? Grazie e saluti Francesco

    • admin scrive:

      ciao francesco , non credo che il problema , di un certo livello possa dipendere dalla museruola ,anche se potevi mettere un collare a imbuto invece di una museruola, comunque non penso che sia utile ne a te che al cane che tu vada avanti ascoltando pareri , l’unica persona che può aiutarti è un veterinario, spero che tu prenda in considerazione di andarci al piu presto , ciao,lauro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_bye.gif  http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_good.gif  http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_negative.gif  http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_scratch.gif  http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_wacko.gif  http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_yahoo.gif  http://www.tartufiarezzo.it/wp-content/plugins/wp-monalisa/icons/wpml_cool.gif 
more...